sabato 9 aprile 2011

bambini che muoino di fame


Bambini che muoiono di fame…

Sono così educati i bambini che muoiono di fame: non parlano con la bocca piena. Non speracano il loro pane. Non giocano con la mollica per farne pallottoline. Non dicono “questo non mi piace”. Non protestano quando si toglie loro un piatto. Non gridano per avere caramelle. Non scartano parti del prosciutto. Per avere il loro pasto, aspettano con pazienza. Il loro cuore pesa tanto … che vivono in ginocchio. Piangono qualche volta, piangono senza far rumore, non si fanno sentire. E sono così piccoli che non si vedono neppure. Sanno che non c’è niente da ottenere dalla mamma, cercano il loro riso nella polvere, chiudono gli occhi quando il dolore atroce della fame si irradia per tutto il corpo. No, no state tranquilli, non grideranno, non ne hanno più la forza. Soltanto i loro occhi possono parlare. Incroceranno le braccia sul ventre rigonfio e moriranno dolcemente, senza rumore … Quei bambini sono così ben educati … Venti milioni di bambini con una malnutrizione grave, che ne uccide un milione ogni anno, uno ogni 30 secondi circa. La probabilità di morire per i piccoli malnutriti è venti volte superiore rispetto a quelli con una alimentazione buona. Tratto da PEACEREPORT http://it.peacereporter.net/articolo/8124/Morire+di+fame



Mi hanno commosso molto queste parole e mi hanno colpito il cuore.

4 commenti:

  1. ciao carissima
    ho letto questo tuo post e credo che valga la pena di pubblicarlo ancora,ed ancora....
    buona domenica
    lu

    RispondiElimina
  2. Ti ho conosciuta tramite Lufantasy e sono corsa d a te. Complimenti per il tuo blog.
    Serena domenica.

    RispondiElimina
  3. Ciao Lu
    ciao Erika
    Buona giornata.

    RispondiElimina
  4. leggendo questo post,da madre,da donna non ho potuto fare altro che ricoprire il mio volto di lacrime.Non ci sono parole per spiegare la tristezza infinita che questo cuore sta provando....Complimenti per il tuo blog

    RispondiElimina

Rispondi

Lettori fissi

“Ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62, il presente Blog, non rappresenta una testata giornalistica in quanto sarà aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Certe immagini e scritti qui inseriti sono tratti da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo e saranno subito rimosse. Gli argomenti trattati dal blog sono frutto di riflessioni personali, qualora urtassero la suscettibilità di qualcuno siete pregati di segnalarlo.”