giovedì 7 agosto 2014

Sul comodino #1

Elena ha creato una nuova rubrica sul suo blog di libri: http://librivagabondi.wordpress.com/


La rubrica si chiama sul comodino....bisogna scegliere 3 libri non ancora letti che si hanno sul comodino.......per me in casa anche perché io sul comodino non tengo libri.... e scrivere la trama di questi libri.

http://librivagabondi.wordpress.com/2014/08/01/sul-comodino-1/

Iniziamo con l'elenco dei 3 libri.



Belle & Sebastien
di Nicolas Vanier

Questo libro mi è stato regalato da mio marito per San Valentino 2014

Trama

1943. In un villaggio sperduto nel cuore delle Alpi, dove solo i camosci e i grandi cani di montagna resistono ai rigori dell'inverno e dove le cime sembrano abbracciare le nuvole, la vita scorre dolce e tranquilla. Fino all'arrivo di due nemici che sembrano invincibili: i tedeschi e la grande Bestia, un predatore assetato di sangue che si aggira di notte depredando gli ovili. Tutti gli abitanti del villaggio sono decisi a ucciderla, tutti tranne uno. Sébastien, un ragazzo cresciuto senza genitori all'ombra dei monti, ha giurato di difenderla: per lui la Bestia è solo Belle, la splendida femmina di pastore dei Pirenei diventata un'inseparabile amica. Gli unici alleati di Sébastien sono il burbero nonno César, la bella e affettuosa panettiera Angelina e Guillaume, il giovane medico del paese, tutti uniti per eludere l'implacabile sorveglianza del tenente Peter Braun. Infatti, mentre Angelina è costretta suo malgrado a rifornire gli occupanti tedeschi, il dottor Guillaume aiuta gli ebrei a fuggire oltre confine attraverso le montagne. Il tenente Braun lo sa bene e fa di tutto per scovare i fuggiaschi e la loro guida. Finché la notte di Natale del 1943 Guillaume, ferito, non riesce a raggiungere la famiglia ebrea che lo aspetta per scappare, e Angelina, Belle e Sébastien decidono di rischiare la vita per loro. Coraggio, amore e amicizia saranno allora gli unici baluardi contro la follia della guerra.


Il diario di Helga
Helga Weiss

Ho l'ebook  preso in prestito dalla rete bibliotecaria digitale. I fatti di vita vera mi attirano. Questa è una testimonianza sull'orrore del nazismo. Mai dimenticare.

Trama
Il diario di Helga è un volume scritto da Helga Weiss quando era ancora una ragazza e cercava di sopravvivere nei campi di  concentramento di Terezin e Auschwitz.  Helga è un’ebrea che ha trascorso la sua prima infanzia a Praga. Nel settembre del 1938 la città dell’attuale Repubblica Ceca è in fermento. L’esercito si muove per cercare di contrastare l’arrivo dei nazisti. Helga è ancora bambina, e non capisce bene il significato di ciò che le sta accadendo intorno. Sente solamente il frastuono dei bombardamenti e sa che spesso deve correre. Intanto però continua a scrivere e a disegnare, riporta ciò che vede e sente, con l’innocenza di una bambina. Poi vi sono i divieti e le persone che spariscono improvvisamente. E ad un tratto capisce dove le persone sparivano, perché la stessa sorte tocca anche a lei e alla sua famiglia. Prima viene portata a Terezin, e poi da lì ad Auschwitz. Helga, ancora ragazzina, conosce quel luogo orribile che va oltre qualsiasi logica, impara cos'è un campo di concentramento, mentre le viene strappata la sua infanzia. Lei però continua a scrivere e a disegnare, dando vita ad un volume che è un colpo al cuore, in cui nemmeno il filtro dell’innocenza ha saputo stemperare le ignominie e le mostruosità. Il diario di Helga è un volume in cui Helga Weiss racconta la sua vita da adolescente nei campi di concentramento di Terezin e Auschwitz.




Il giardino segreto
Frances H. Burnett

Ho scelto questo libro perchè ho visto la recensione su vari blog. Quello che mi ha colpito di più e che poi mi ha fatto venire voglia di prenderlo è stata la rubrica fatterellando di Antonella e di Borderline.

Trama

Mary è una bambina di dieci anni. Rimasta sola, Mary è cresciuta con la sua Ayah, la bambinaia,
e diventa una ragazzina viziata, insensibile e solitaria. In seguito è affidata a uno zio che vive in Inghilterra.
Ad accoglierla c’è la governante Mrs Medlock che, trattandola freddamente, mette subito le cose in chiaro
dicendole di non creare problemi. Con il tempo Mary inizia ad ambientarsi e a conoscere i tanti piccoli
segreti della famiglia, tra cui quello dello zio, che è diventato un uomo ancora più solitario da quando la
moglie è morta nel suo giardino, ormai chiuso a chiave. Una notte Mary sente qualcuno piangere e scopre
che in una stanza c’è un bambino. Colin, suo cugino, è rinchiuso dalla nascita in quella stanza perché
paralizzato. La bambina riesce a riportare Colin fuori da quella stanza. Il miracolo sembra compiersi quando
il bambino, da sempre considerato paralizzato, incoraggiato da Mary inizia a camminare, dimostrando così
che la malattia era la conseguenza della sua paura.

Ecco questi sono i miei primi 3 libri che ho scelto:

1) Belle & Sebastien di Nicolas Vanier
2) Il diario di Helga di Helga Weiss
3) Il giardino segreto di Frances H. Burnett











8 commenti:

  1. Che belle le trame di questi 3 libri! Buona giornata Roby :)

    RispondiElimina
  2. Ciao, grazie mille per essere passata da me e buone vacanze! A presto :) Vale.

    RispondiElimina
  3. Belle e Sebastien voglio troppo leggerlo..*_*....
    Io sul comodino ho:
    Io e Dewey
    Tempest
    La linea sottile

    Bacioni!!!!!!!

    RispondiElimina
  4. Robby, qualcosa mi sfugge. Come si fa a scrivere la trama di libri che ancora non sono stati letti?

    RispondiElimina
  5. Ciao
    buonanotte. Grazie per i commenti. Sai io a volte prendo i libri se hanno una trama che mi piace....questa la si trova anche sulla copertina del libro all'interno. E' la prima cosa che faccio in un libro.

    RispondiElimina
  6. Belli i tuoi libri sul comodino! I primi due mi piacerebbe leggerli, il giardino segreto è bellissimo!!!! Un bacione e grazie della condivisione!

    RispondiElimina
  7. Grazie per la condivisione! I primi due mi attirano, il terzo l'ho letto da ragazza ed è bellissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un grazie a te per aver creato questa rubrica

      Elimina

Rispondi

Lettori fissi

“Ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62, il presente Blog, non rappresenta una testata giornalistica in quanto sarà aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Certe immagini e scritti qui inseriti sono tratti da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo e saranno subito rimosse. Gli argomenti trattati dal blog sono frutto di riflessioni personali, qualora urtassero la suscettibilità di qualcuno siete pregati di segnalarlo.”