giovedì 24 aprile 2014

Il maggio dei libri

 
I libri sbocciano in maggio.
 
Perchè se in questo mese la natura si risveglia, lo stesso capita alla voglia di leggere. Leggere fa crescere: è questo lo spirito de Il Maggio dei Libri, la campagna nazionale nata nel 2011 con l'obiettivo di sottolineare il valore sociale della lettura come elemento chiave della crescita personale, culturale e civile.
 
La campagna, promossa dal Centro per il Libro e la Lettura del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo, sotto l'Alto Patronato della Presidenza della Repubblica e in collaborazione con l'Associazione Italiana Editori, inizia il 23 aprile in coincidenza con la Giornata mondiale del libro e del diritto d'autore promossa dall'UNESCO e durerà fino alla fine di maggio.
 
La denominazione scelta per la campagna, Il Maggio dei Libri, pone l'accento su un mese che nella tradizione popolare italiana è legato alle feste per il risveglio della natura e richiama l'idea di crescita e maturazione, ma anche di allegria e di piacere: tutti concetti che vogliamo veicolare attraverso la campagna come collegati alla lettura.
 
Libro come amico, partner, compagno di vita, dunque: lo scopo della campagna, infatti, è quello di portarlo tra la gente, distribuirlo, farlo conoscere, connotandolo di un forte valore sociale e affettivo. E favorire così l'abitudine alla lettura. Il libro, quindi, esce dal suo contesto abituale e dilaga sul territorio:dalle grandi città ai piccoli centri, regioni, province, comuni, scuole, biblioteche, associazioni culturali, case editrici, librerie, circoli di lettori, promuoveranno iniziative per intercettare anche persone che di solito non leggono. La campagna del 2013 ha raccolto oltre 3000 adesioni.
 

Web, scuole, giovani. è su queste parole chiave che si orienta la campagna 2014: raccogliendo l'eredità di tutte le esperienze precedenti, quest'anno il Centro per il libro e la lettura e i suoi partner, forti del successo della precedente edizione, intendono rilanciare il progetto innescando nuovi processi, rafforzando la rete di soggetti pubblici e privati attivi nella promozione del libro e della lettura.

11 commenti:

  1. Lo spot è molto bello, quando l'ho visto mi è subito piaciuto. Credo che tra i compiti di un bravo genitore quello di far appassionare i piccoli alla lettura perchè leggere sviluppa fantasia, immaginazione e libertà. Buona giornata a presto

    RispondiElimina
  2. Come sempre dico a mia figlia "La lettura è mezza cultura", in realtà è molto di più!
    Ultimamente la vedo leggere più spesso però e questo mi piace, Assunta.
    http://lefiabedituassan.blogspot.it/

    RispondiElimina
  3. molto interessante ed ha a che fare col prossimo swap che organizzero'... ;-)

    RispondiElimina
  4. Trovo che sia una bella idea - leggete leggete leggete ed abituate i vostri figli a leggere gli amplierà la mente, si divertiranno e nel conempo faranno del bene a se stessi!
    Ottima idea spingere più gente possibile alla lettura con certe iniziative
    Buon fine settimana

    RispondiElimina
  5. Io sono appassionata di libri, ne ho tanti e ne ho sempre uno vicino... ma le mie figlie sembra che non abbiano né ereditato né assorbito questa mia passione.
    Daniela

    RispondiElimina
  6. sono d'accordo con voi, ciao, buona domenica.

    RispondiElimina
  7. Grazie per la segnalazione, un tempo leggevo molto, da quando porto gli occhiali il mio passatempo preferito è diminuito, ma i libri mi piacciono sempre.
    Buona giornata
    Mandi

    RispondiElimina
  8. Iniziativa interessante.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  9. Ciao grazie per essere passati di qua, si leggere è bello-

    RispondiElimina

Rispondi

Lettori fissi

“Ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62, il presente Blog, non rappresenta una testata giornalistica in quanto sarà aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Certe immagini e scritti qui inseriti sono tratti da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo e saranno subito rimosse. Gli argomenti trattati dal blog sono frutto di riflessioni personali, qualora urtassero la suscettibilità di qualcuno siete pregati di segnalarlo.”