domenica 27 gennaio 2013

27 gennaio-giornata della memoria

Il 27 gennaio si ricorda lo sterminio degli ebrei. 
Questo orrore non va dimenticato.

post 2012

post 2011

post 2011



Le guerre negano la memoria dissuadendoci dall'indagare sulle loro radici, finché non si è spenta la voce di chi può raccontarle. Allora ritornano, con un altro nome e un altro volto, a distruggere quel poco che avevano risparmiato.
L’ombra del vento – Carlos Ruiz Zafón


Mai dimenticherò quella notte, la prima notte nel campo, che ha fatto della mia vita una lunga notte e per sette volte sprangata.
Mai dimenticherò quel fumo.
Mai dimenticherò i piccoli volti dei bambini di cui avevo visto i corpi trasformarsi in volute di fumo sotto un cielo muto.
Mai dimenticherò quelle fiamme che bruciarono per sempre la mia Fede.
Mai dimenticherò quel silenzio notturno che mi ha tolto per l’eternità il desiderio di vivere.
Mai dimenticherò quegli istanti che assassinarono il mio Dio e la mia anima, e i miei sogni, che presero il volto del deserto.
Mai dimenticherò tutto ciò, anche se fossi condannato a vivere quanto Dio stesso. Mai.
Elie Wiesel, La notte



"Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario"
Primo Levi-Se questo è un uomo

Con questa frase partecipo all'iniziativa del blog http://thebedsidebooks.blogspot.it/

qua tutti i dettagli per partecipare:  http://thebedsidebooks.blogspot.it/2013/01/giornata-della-memoria-perche-non-si.html


19 commenti:

  1. La storia bisognerebbe tenerla sempre a mente, soprattutto se c'è gente, come oggi, che dice stupidaggini della peggior specie...

    RispondiElimina
  2. Brava non dobbiamo dimenticare MAI!

    RispondiElimina
  3. Mai più simili atrocità!!! il mondo deve ricordare tutto questo e fermare in tempo le menti malate che con la propaganda creano dei veri mostri... Buona domenica cara Robby.
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Si, non dimentichiamo assolutamente e insegnamolo ai nostri figli.
    Ma ricordiamoci anche di tanti altri, dei genocidi e dei massacri che ancora oggi sono presenti da qualche parte sulla terra.

    RispondiElimina
  5. anche se non ho fatto un post dedicato, sono vicina col pensiero a questo tuo . ti lascio un saluto

    p.s: mi fa piacere ti siano piaciute le slide!

    RispondiElimina
  6. Mai dimenticare quegli orrori...

    RispondiElimina
  7. Come dimenticare una cosa così inumana? Solo dei mostri hanno potuto dimenticare l'umanità delle altre persone. Ely

    RispondiElimina
  8. Non si può dimenticare una cosa così inumana. Ely

    RispondiElimina
  9. No, non bisogna dimenticare, anzi, bisognerebbe ricordare TUTTI coloro che sono stati internati per la religione, la razza, la disabilità...
    MGrazia

    RispondiElimina
  10. Ebrei, Rom, omosessuali, oppositori politici...
    E tanto ancora accade , di spietato, nel mondo.

    RispondiElimina
  11. ciao
    grazie per i vostri commenti. Mai dimenticare questi orrori.

    RispondiElimina
  12. Quoto Levi, dobbiamo istruire anche le nuove generazioni.

    Bacio

    RispondiElimina
  13. Sera! Un giorno indimenticapile :(
    Buona serata!

    RispondiElimina
  14. Questi ricordi saranno negativamente indelebili...per sempre....atrocità impossibili da dimenticare....e se esiste l'inferno mi auguro che tutti i responsabili possano bruciare per l'ETERNITÀ'....per non dimenticare.....mai.
    Un caro saluto......e perdona questo sfogo.....
    Sarat

    RispondiElimina
  15. I love Elie Wiesel's work. Thank you for your kind visit, xoxo

    RispondiElimina
  16. ciao
    grazie per i vostri commenti.

    RispondiElimina

Rispondi

Lettori fissi

“Ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62, il presente Blog, non rappresenta una testata giornalistica in quanto sarà aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Certe immagini e scritti qui inseriti sono tratti da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo e saranno subito rimosse. Gli argomenti trattati dal blog sono frutto di riflessioni personali, qualora urtassero la suscettibilità di qualcuno siete pregati di segnalarlo.”